Google plus: il fratello di Facebook


By on giugno 18, 2012
Prev1 of 1Next

Sempre più persone si iscrivono ed utilizzano Google Plus, altrettante vorrebbero utilizzarlo ma non sanno da dove cominciare. E proprio per aiutare queste ultime che è stato stilato questo articolo.
Prima di cominciare ad usare Google plus è giusto rispondere alla più classica delle domande, ossia: “Che cosa è Google plus ( conosciuto anche come il logo in foto)?”

Quest’ultimo è un social network lanciato da Google il 28 giugno del 2011,come una sfida al social network per eccellenza,Facebook, ha incominciato come versione beta ed è diventato poi molto popolato, infatti, conta 10 milioni di utenti e centinaia di nuovi iscritti ogni giorno. Inoltre, da sfidante è diventato quasi un clone di Facebook, seppur mantiene delle caratteristiche proprie e una propria terminologia. Forse è proprio quest’ultima che confonde le idee, ed è per questo che di seguito è stato stilato una specie di abbecedario, atto a dare una visione d’insieme di questo sito; in fondo, come per ogni nuova conoscenza, se non se ne conoscono le basi, sarà difficile apprenderla.
Cose in comune e…
Come detto, questo sito è molto simile a Facebook, è un social network , allora cosa si dovrà fare come prima cosa? Ovviamente la creazione di un profilo! Ma che cosa rappresenta quest’ultimo? A cosa serve?
Il profilo si può definire come un’ identità digitalizzata. Infatti, esso descrive l’utente, non solo tramite le classiche informazioni di base, quali:
-Nome, cognome
– Età
-Sesso
– Luogo di nascita
-Luogo di residenza
Ma ne può riferire altre ( sempre se le si vogliano riportare), quali:
– Grado di istruzione
– Professione
– Gusti musicali
– Gusti culinari
– Gusti cinematografici
Tutti dettagli che hanno la doppia azione di rendere unico chi li riporta ma allo stesso tempo di accomunarlo con tanti altri iscritti.
Proprio per quest’ultimo motivo che esistono le cerchie. Queste ultime sono un’opzione che permette ad ogni iscritto, di sistemare la propria rete di amicizie in sezioni ben distinte, come ad esempio amici, familiari, conoscenti. In questo modo, si è anche più tutelati sulla privacy dei propri contenuti. Per esempio, se si è andati a fare una gita scolastica, e si vogliono pubblicare le foto, ma non si vogliono far vedere a tutti, basterà specificare che la visualizzazione è permessa solo ai membri della cerchia “amici” ( es. come in foto)

Google stream. Questo si può definire come la bacheca di Facebook, e infatti, occupa una posizione centrale per la visualizzazione di post, link, foto e video che l’utente ha condiviso.
Tasto +1. Quest’ultimo ha la stessa funzione del mi piace di Facebook, giacché è utilizzato per il sostegno di link o post dal contenuto interessante.
Non…
Per quanto simile a Facebook, Google plus mantiene la sua unicità grazie a diversi aspetti, uno dei quali è la possibilità di accedere al sito se si ha già un account google, quali ad esempio Gmail e la possibilità di fare un video ritrovo, che sarebbe la videochiamata solo con la possibilità di collegarsi con diverse persone contemporaneamente.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*