RIM cade sotto i mercati di Apple e Android


By +BGSOLUTIONALLARMIESICUREZZAPERLATUACASA on novembre 28, 2012
Prev1 of 1Next

Brutte acque quelle nelle quali sta navigando la più importante azienda di telefonia mobile canadese, ovvero RIM, nota in tutto il mondo soprattutto grazie agli smartphone del settore business professionale.

RIM scivola di ben 1,6% sul mercato statunitense sotto il peso della concorrenza guidata da Apple e Google. Il recente annuncio dell’arrivo del nuovo Blackberry 10 non basta evidentemente a far riprendere quota alla società canadese. A poco serve anche la già tanto reclamizzata nuova chat vocale attraverso la quale i possessori di dispositivi Blackberry potranno comunicare tramite videochiamate ed SMS a costo 0, semplicemente tramite Wi-Fi.

L’utenza interessata al settore della telefonia mobile si vede oggi maggiormente attratta dall’elevato grado di multimedialità che iPhone e tutti gli smartphone Android offrono. Una ricerca di Kantar Wordpanel evidenzia come anche Google stia soffrendo sotto i colpi del sempre più amato melafonino.

Apple spadroneggia sugli Stati Uniti, dove grazie alle vendite di iPhone 5, raggiunge una quota di 49,3%. Android invece, sempre negli USA, raggiunge a malapena il 47% dopo un brusco calo che a visto cadere dal 63,3% di consensi. Situazione completamente ribaltata in Europa, dove Android e soprattutto gli smartphone di Samsung detengono il 74% del mercato in Germania e addirittura l’82% in Spagna.

I primi cinque mercati europei, per quanto riguarda la tecnologia mobile, vede Apple lontana al 21% con una crescita annua dell’1%. RIM invece scende dall’8,5% al 6,9%, ma secondo le alte sedi canadesi potrebbe essere un dato provvisorio attenuato dall’annuncio dell’arrivo di Blackberry 10 grazie al quale RIM potrà nuovamente godere a pieno della consistente fetta di utenti che utilizzano lo smartphone per motivi lavorativi e professionali.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*