Google News contro gli editori europei con una campagna di sensibilizzazione


By on novembre 28, 2012
Prev1 of 1Next

I recenti dissidi che hanno visto scontri tra le due fazioni rappresentate da una parte dal colosso Google e dall’altra dai governi di Francia, Germania e Italia, si infittiscono oggi di nuove problematiche.

Le controversie nascono dalla crisi economica, sentita dagli editori e dalle testate giornalistiche online che hanno chiesto aiuto ai rispettivi governi per far fronte alla mancanza di fondi. In particolare, le più importanti testate avrebbero optato per la richiesta diretta nei confronti di Google di un indennizzo per le notizie che il motore di ricerca estrapola dalle loro pagine web per integrarle nel servizio Google News.

Gli editori chiedono una nuova proposta di legge affinché il motore di ricerca sia tassato in base ai contenuti che presenta sulle pagine del suo servizio di notizie. Il contributo per le news oggi è richiesto al colosso della ricerca dagli stessi governi europei che vogliono in questo modo tutelare il diritto d’autore e la proprietà delle opere intellettuali.

La minaccia nei confronti di Google è quella di rimuovere tutte le pagine dei quotidiani online dai suoi archivi qualora Mountainview non provveda a contribuire alla distribuzione di notizie. Il gigante di internet però non si è lasciato piegare ed anzi oggi ha messo online sulla sua versione tedesca google.de, una pagina dedicata che recita: “Difendi la tua Rete. Continua a trovare quello che cerchi”. Più precisamente, l’indirizzo www.google.de/deinnetz informa sulla delicata questione invitando l’utenza ad appoggiare Google scrivendo il proprio dissenso ai Parlamentari.

In merito, interviene il direttore tedesco di Google Stefan Tweraser che spiega come l’approvazione di una proposta di legge simile rappresenterebbe costi altissimi per le imprese, oltre che per un’effettiva mancanza di informazione per gli utenti. Il tutto a discapito della stessa rete che si vedrebbe così impoverita di contenuti essenziali almeno nell’ambito dedicato alle notizie.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*