Nintendo vende 400.000 Wii U nella prima settimana


By +BGSOLUTIONALLARMIESICUREZZAPERLATUACASA on novembre 28, 2012
Prev1 of 1Next

Nella prima settimana di commercializzazione della nuova consolle Wii U di casa Nintendo, l’azienda leader del settore videoludico stima le vendite con un + 400.000 di unità. La casa giapponese lo annuncia tramite una nota ufficiale nella quale sono inclusi oltretutto gli obiettivi raggiunti sul mercato dalle consolle di vecchia generazione quali la Wii, il 3DS e i precedenti DS. In particolare sono state vendute anche 300.000 Wii, 250.000 3DS e 275.000 invece sono i modelli ancora più anziani. Il totale registrato conta ben 1,2 milioni di consolle vendute, complice anche il Black Friday che negli Stati Uniti ha rappresentato l’inizio del primo week end dedicato agli acquisti per i regali di Natale.

Anche il 2012, come gli anni precedenti nell’ultimo decennio, presenta i mercati favorevoli ai dispositivi elettronici e Nintendo lo sa bene essendo riuscito a cavalcare l’onda più favorevole delle vendite pre-natalizie.

Se X-Box 360 aveva raggiunto le 270.000 unità vendute nel mese di ottobre, il primo week end di vendite di Wii U ha ampliamente battuto quelle cifre. Nintendo ha saggiamente anticipato l’uscito della sua consolle di punta al fine di dominare il mercato prima dell’arrivo delle due consolle di prossima generazione più attese, ovvero Play Station 4 e X-Box 720, che saranno distribuite entro il 2014.

L’entusiasmo di Nintendo non è comunque tutto rose e fiori poiché nei loro passati vi sono fasti ben più rimarchevoli, quale la prima settimana di Wii che fece un debutto coi fiocchi grazie alle 600.000 unità vendute. Nintendo intanto si scusa additando la cattiva distribuzione come freno ad un nuovo possibile record di vendite.

Nel frattempo i primi acquirenti hanno dovuto affrontare uno spiacevole inconveniente alla prima accensione della nuova consolle che da subito richiede un aggiornamento del peso di oltre 1 GB.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*