GMail down per oltre 100 minuti in tutto il mondo


By +BGSOLUTIONALLARMIESICUREZZAPERLATUACASA on dicembre 12, 2012
Prev1 of 1Next

Sono trascorsi  solo pochi giorni dall’annuncio di Google riguardante la fusione di funzionalità tra il servizio di posta GMail e Google Drive. Nelle scorso ore però l’importante casella di posta elettronica usata da milioni di utenti in tutto il mondo è andata giù. Il blackout ha interessato il mondo intero che si è visto vittima del disservizio per diversi minuti.

Accedendo a GMail era possibile visualizzare il famoso robottino rotto di Big G. Accanto un “502. THAT’S AN ERROR” spiegava che il server aveva avuto problemi temporanei così da non poter completare le richieste. Più giù l’invito a riprovare dopo trenta secondi.

Non si hanno ulteriori notizie sulla causa dell’accaduto, se non che a riversare nel panico più totale non soltanto gli affezionati utenti utilizzatori del servizio di posta ma gli stessi tecnici di Google che sono riusciti a risolvere la soluzione dopo 100 minuti di noie.

Al ripristino del servizio è seguito un post redatto dai piani alti del motore di ricerca attraverso il quale l’azienda ha comunicato l’avvenuta risoluzione scusandosi e ringraziando gli utilizzatori per la pazienza e le segnalazioni. I tecnici di Google inoltre hanno aggiunto che i loro sforzi sono proiettati verso l’affidabilità totale del sistema sul quale vi sono continui miglioramenti.

Intanto la versione mobile di GMail è stata aggiornata così da rendere gli utilizzatori di smartphone con sistema operativo Android in linea con gli aggiornamenti della versione desktop del programma.

Il down di GMail ha provocato un effetto a catena che ha visto sul web la derisione dei tanti detrattori del servizio. Twitter e Facebook sono stati letteralmente invasi da un’ondata di ironia che predicava addirittura la fine di GMail associandola alle ipotesi nefaste del calendario Maya.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*