Samsung Galaxy Grand, sottile smartphone Android 4.1.2 Jelly Bean

Samsung_GALAXY_Grand_googleplusblog

Samsung_GALAXY_Grand_googleplusblogSamsung continua ad aggiornare la propria linea di smartphone Android presentando quello che è praticamente l’ennesimo simil-Galaxy S3. Si chiama Samsung Galaxy Grand e del ben più noto terminale che ha riscosso risultati importanti sul mercato riprende principalmente l’aspetto estetico e la filosofia del largo display: ben 5 pollici di diagonale (mezzo pollice in meno rispetto il Galaxy Note 2) per uno schermo di tipo TFT-LCD con una risoluzione comunque non sconvolgente, visti i soli 800×480 pixel promessi. Sostanzialmente si tratta dunque di uno smartphone che punta tutto sull’estetica e un prezzo accessibile, visto che le caratteristiche tecniche sono praticamente di vecchia generazione.

Una scocca da un peso di 162 grammi e appena 9.6 mm di spessore, racchiude un processore dual core da 1.2 GHz affiancato da 1 GB di memoria RAM. Lo spazio interno per la memorizzazione di dati personali è di 8 GB, ma espandibile tramite schede di memoria di tipo microSD fino a un massimo di 64 GB aggiuntivi. Presente inoltre una fotocamera posteriore da 8 megapixel in grado di registrare in Full HD, insieme al canonico sensore frontale, in questo caso da 2.1 megapixel, utile per videochat e videochiamate, e una batteria da 2.100 mAh, in grado di garantire una notevole autonomia. Il sistema operativo è Android 4.1.2 Jelly Bean.

La connettività prevede la presenza di moduli WiFi, Bluetooth e una porta USB 2.0, che si rivelerà senz’altro utile per collegare al Samsung Galaxy Grand accessori e periferiche varie di terze parti. Non sono al momento disponibili informazioni su prezzo e data di lancio, comunque compresa entro i primi mesi del 2013. La certezza è che arriveranno sul mercato due modelli: uno a scheda singola, l’altro dual-SIM. Quest’ultima sarà quella ad arrivare per prima in commercio, mentre per il Samsung Galaxy Grand con supporto a una sola scheda SIM si farà attendere qualche settimana in più. Evidentemente una scelta voluta per spingere le vendite verso il primo modello.

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*