Google Glass, al via test su telefonate e comandi vocali

google glass
L’ambizioso progetto Google Glass continua a prendere forma. Entro l’anno, il colosso di Mountain View ha intenzione di distribuire i primi prototipi dei rivoluzionari occhiali per la Realtà Aumentata agli sviluppatori, e dare il via subito dopo alla messa in commercio a un prezzo, si spera, il più accessibile possibile. Nel frattempo, il responsabile del progetto, Bobak Parviz, ha fornito nuove informazioni sui Google Glass spiegando che i laboratori di sviluppo stanno testando nuove idee per la piattaforma.

L’obiettivo primario in questo momento è quello di garantire ai futuri acquirenti dei Google Glass, un dispositivo in grado di telefonare e rispondere ai comandi vocali dell’utente in modo efficiente. Gli occhiali potranno essere avviati o disattivati con l’ausilio della propria voce: stesso discorso per le chiamate. Il sostegno delle lenti sarà fornito di un touchpad utile per la gestione immediata delle impostazioni: inoltre, a tutto questo deve necessariamente essere associata un’autonomia soddisfacente. Per questo, Google sta lavorando affinché gli occhiali possano garantire che la durata della batteria arrivi a prolungarsi almeno per un giorno intero con uso intensivo.

Parviz ammette che siamo di fronte a un progetto complicato: non è uno smartphone, un tablet o un semplice computer portatile, ma principalmente un accessorio da indossare che dovrà restituire però anche le funzioni dei dispositivi citati in maniera immediata e mai fastidiosa per la vista dell’utente. La speranza, conclude, è che quando avranno i loro prototipi tra le mani, gli sviluppatori si convinceranno subito del fatto che Google Glass può essere il futuro.

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*