Antifurto, come evitare il falso allarme


By +BGSOLUTIONALLARMIESICUREZZAPERLATUACASA on marzo 18, 2013
Prev1 of 1Next

falso allarme antifurto

Il falso allarme è uno dei timori tipici di chi decide di installare in casa propria un sistema di antifurto. Ad esempio, nel caso si progetti di allontanarsi dalla propria abitazione per diverso tempo, il rischio di dover tornare indietro per poter disattivare sirene che senza alcun motivo suonano impazzite per ore provocando dissidi con i vicini e l’inevitabile multa da parte delle forze dell’ordine per disturbo, seppur involontario, della quiete pubblica, frena le intenzioni di rendere ancora più la sicura la casa. Non sono episodi rari e anzi molto frequenti e spesso vengono causati dalle cause meno impensabili. Molte volte però il problema è l’antifurto stesso: installazione non eseguita correttamente, certificazione assente e innumerevoli altri fattori possono portare facilmente a malfunzionamenti che sfocino nel fastidioso falso allarme. Come evitare? Con tanta accortezza.

L’installazione di un sistema d’allarme non è uno scherzo e non deve essere presa sottogamba. Non fatevi abbindolare da preventivi assolutamente convenienti se poi non è garantita un’assistenza come si deve. Soprattutto non sottovalutate la manutenzione, visto che nel primo periodo di utilizzo è probabile il verificarsi di un guasto che richiederebbe l’intervento di un tecnico o potrebbe essere previsto in anticipo con un adeguato controllo. Senza contare che non parliamo di sistemi dall’autonomia infinita, ma una volta esaurita la carica di energia contenuta nella batteria, l’antifurto comincerà a suonare naturalmente all’impazzata. Con una manutenzione costante e regolare si individuerà sempre in tempo se una batteria è prossima alla fine e sarà dunque necessario cambiarla. Ultimo consiglio, il più scontato, assicuratevi di avere tutte le certificazioni previste dalla legge. Facendo le cose per bene si riducono del 90% le possibilità che si verifichi un fastidioso falso allarme.

Antifurto

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*