Furto a Rieti: arrestato il ladro del supermarket


By +BGSOLUTIONALLARMIESICUREZZAPERLATUACASA on aprile 5, 2013
Prev1 of 1Next

20130405_polizAttimi di tensione, la scorsa  notte, per Giorgio Cardinali, il proprietario del supermercato Tigre Amico, in via Raccuini, a Rieti: un uomo di 42 anni, residente nel reatino, dopo aver forzato la porta posteriore del supermarket si è introdotto al suo interno insieme ad un complice, un 51enne in seguito denunciato, nel tentativo di portare via l’incasso del supermercato.

Dopo aver disattivato i sistemi di allarme, i due malintenzionati avrebbero tentato di aprire la cassetta di sicurezza che conteneva gli incassi dei giorni precedenti sollevando il pesantissimo stabilizzatore di corrente posto sopra di essa: tuttavia, mentre i due ladri erano all’opera per mettere a segno il furto, alcune voci ed alcuni rumori avrebbero disturbato il loro tentativo di appropriarsi del denaro, costringendoli così a fuggire a mani quasi vuote.

Il proprietario del supermarket, basito e naturalmente seccato per la vicenda che considera alquanto “strana” – a partire dalla difficoltà di attivare il sistema di allarme, la sera prima del furto – aveva raccontato alle forze dell’ordine che una sua dipendente, entrando nel supermercato intorno alle 5 e mezza del mattino, avrebbe sentito alcune voci ed alcuni rumori sospetti, che l’avrebbero fortemente allarmata e spaventata.

L’ingresso dei dipendenti avrebbe quindi fatto desistere i due ladri, che dopo aver messo a soqquadro l’ufficio del supermercato e dopo aver arrecato alcuni danni, sarebbero fuggiti senza il bottino sperato.

Alcune testimonianze ed alcune immagini di videosorveglianza hanno permesso alla Squadra Mobile di Rieti di arrestare uno dei due malviventi, individuato ed in seguito messo in manette mentre rientrava nella propria abitazione.

Dal supermercato sarebbero stati prelevati solo alcuni generi alimentari, il denaro presente nelle casse ed il computer contenente tutti i dati dell’attività ma assolutamente di poco valore.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*