Arrestati militanti di Anonymous, tra loro anche un impiegato di Twitter


By on ottobre 10, 2013
Prev1 of 1Next

Nelle ultime ore è stata condotta all’estero una retata nei confronti di alcuni attivisti della nota formazione Anonymous, gli hacker oscuri che da anni combattono sulla rete contro quelli che vengono reputati dei soprusi. Negli arresti effettuati non mancano di certo delle sorprese, tra di loro infatti è stato trovato di tutto, dal giovane universitario di soli 22 anni, ad un pensionato oltre i sessant’anni, ed anche un impiegato del noto social network Twitter.

anonymous

L’accusa per i diversi attivisti di Anonymous arrestati è quella di aver partecipato ad azioni di hackeraggio rivolte ad importanti banche americane quali Bank of America o alla nota società gestore di carte di credito MasterCard. L’attacco a tali servizi era stato effettuato a seguito della decisione, da parte delle stesse aziende, di bloccare le donazioni in rete a Wikileaks. Anonymous era entrata quindi in azione effettuando degli attacchi ai loro servizi web, ma in questo caso alcuni attivisti anonimi sono stati rintracciati ed arrestati con l’accusa di hackeraggio informatico. Tra gli arrestati, come dicevamo, troviamo anche delle sorprese: Anthony Tadros è un giovane di 22 anni studente dell’Università del Connecticut, Geoffrey Commander un pensionato di 65 anni, ma sopratutto Ryan Gubele, 27enne, ex dipendente di Amazon, ed ora impiegato presso il famoso social network Twitter con mansioni legate alla sicurezza del servizio.

Anonymous quindi conta su una vasta schiera di attivisti di tutti i generi, che come vediamo in questo caso sono anche collocati all’interno di aziende molto importanti che operano sul web.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*