AVE, il social network anti-violenza: la parola ad ex terroristi e vittime


By Zenit on maggio 16, 2012
Prev1 of 1Next

I social network vi consentono di svagarvi e divertirvi, ma anche di fare qualcosa di utile. Abbiamo già parlato del luogo di incontro che vi permette di dare vita ad un orto. In realtà, queste pagine sono in grado anche di aiutare le persone ad affrontare varie problematiche.

Proprio in questo caso, il social network AVE (The Against Violent Extremism) ha dato vita ad una piattaforma per combattere l”estremismo violento. Il progetto è nato  il mese scorso e consente di mettere in collegamento sia le vittime (survivors) con persone che facevano parte di organizzazioni estremiste (formers). Gli utenti potranno condividere le loro dure esperienze  restare in contatto, collaborare e diffondere i loro messaggi, sfruttando le ultime tecnologie del momento. Ad esempio, potranno caricare video di Youtube e casino online localizzare le altre persone sulla mappa geografica.

Il primario scopo di Againstviolentextremism.org, non è solo quello di aiutare le persone a sfogarsi, ma anche di aiutare coloro che si stanno avvicinando, o sono dentro, a gruppi estremisti violenti. Il portale cercherà di mettere in guardia i giovani, cercando di non farli cadere in trappole del genere, e li aiuterà a non essere plagiati da queste organizzazioni violente. Il social network oltre a far uscire i ragazzi da questi pericolosi gruppi, li segue dopo la loro decisione. La loro vita futura, difatti, potrebbe risultare complessa.

Il progetto offre un servizio decisamente diverso da tutti gli altri social network, ha uno scopo ambizioso e cerca di gettare luce su una problematica che dovrebbe essere affrontata quotidianamente. AVE si pone l”obiettivo di salvare le persone da situazioni difficili facendo incontrare individui che hanno superato queste difficoltà.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*