Equo compenso: ecco i nuovi rincari introdotti dal governo


By +BGSOLUTIONALLARMIESICUREZZAPERLATUACASA on luglio 10, 2014
Prev1 of 1Next

Da pochi giorni è stato approvato dal governo italiano un aumento sulla tassa denominata Equo Compenso, che va a colpire tutti i dispositivi elettronici forniti di memoria interna. In questo modo ci sono brutte notizie per chi intende acquistare uno smartphone, tablet, TV, pendrive ed altri prodotti, che vedranno aumentare la tassazione su tali prodotti facendo di conseguenza aumentare il prezzo finale del prodotto.

Per chi non conoscesse l’Equo Compenso, è una tassa che viene applicata per la tutela del diritto d’autore e che va a rimpinguare le casse della SIAE, i soldi vengono recuperati dalla vendita dei dispositivi elettronici che sono muniti di memoria interna. Il nuovo provvedimento ha emanato una tabella di tassazione che risulta essere raddoppiata rispetto alla precedente, così facendo per l’acquisto do uno smartphone andremo a pagare in aggiunta  3 euro per dispositivi con capienza fino a 8 GB, 4 euro per capienza da 8 a 16 GB, 4,90 euro per capienze da 16 a 32 GB e 5,20 euro per capacità ci memoria ancora superiori, prima di tale aggiornamento la tassazione era di 0,90 euro.

Ma la tassa non colpisce solo smartphone o tablet, ci sono anche  4 euro per i nuovi televisori con registratore integrato, oppure 5,20 euro sui computer e fino a 5 euro per le schede di memoria. Questa tassa è nata con l’idea di compensare chi detiene il copyright sulle copie private effettuate dagli utenti, ma in realtà sembra essere più una tassa per aiutare la SIAE, associazione degli editori ed artisti, che risulta essere in forte difficoltà.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*