Google: il Garante chiede maggiore trasparenza entro 18 mesi


By +BGSOLUTIONALLARMIESICUREZZAPERLATUACASA on luglio 23, 2014
Prev1 of 1Next

Proprio dal nostro paese arriva un importante richiesta al colosso Google, il Garante  indica infatti che chi usa i servizi o il motore di ricerca di Google in Italia dovrà essere più tutelato, stabilendo che il colosso di Mountain View non potrà usarne i dati a fini di profilazione senza avere il consenso degli utenti e dovrà dichiarare esplicitamente di svolgere questa attività a fini commerciali. Google dovrà adeguarsi entro 18 mesi a queste nuove indicazioni.

Il provvedimento made in Italy, è in assoluto il primo che viene proposto di questo genere, anche se resta da capire quali saranno gli sviluppi. Al momento Google ha fatto sapere, attraverso un portavoce, che: «Abbiamo collaborato costantemente con il Garante nel corso di questa vicenda per spiegare le nostre privacy policy e come ci consentono di creare servizi più semplici ed efficaci e continueremo a collaborare in futuro. Analizzeremo il provvedimento del Garante attentamente per definire i prossimi passi».

Resta il fatto che si tratta di un provvedimento prescrittivo, scaturito a seguito dell’istruttoria avviata lo scorso anno dal Garante italiano dopo i cambiamenti apportati dalla società alla propria privacy policy. Tale provvedimento non si limita a richiamare al rispetto dei principi della disciplina privacy, ma indica nel concreto le possibili misure che Google deve adottare per assicurare la conformità alla legge.

La società ha infatti unificato in un unico documento le diverse regole di gestione dei dati relative alle numerosissime funzionalità offerte, dalla posta elettronica (Gmail), al social network (GooglePlus), alla gestione dei pagamenti on line (Google Wallet), alla diffusione di filmati (YouTube), alle mappe on line (Street View), all’analisi statistica (Google Analytics), procedendo quindi all’integrazione e interoperabilità anche dei diversi prodotti e dunque all’incrocio dei dati degli utenti relativi all’utilizzo di più servizi.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*