Anonymous: attacca di nuovo e viola Vitrociset azienda italiana responsabile sicurezza enti governo


By francesco on agosto 1, 2011
Prev1 of 1Next

Il gruppo di pirati informatici Anonymous viola il sistema di sicurezza online di Vitrociset, società italiana impegnata dei campi dell’IT e della logistica. Il sito è attualmente ancora irraggiungibile. Si tratta di “uno dei più importanti gruppi italiani, per dimensione e conoscenze, che opera nel campo dell’IT e nella logistica. Si occupa di sistemi per la Difesa, sistemi per il Controllo del Traffico Aereo, Tecnologie Satellitari e Telecomunicazioni, Trasporti, Infomobilità”, leggiamo su Wikipedia.


Gli hacker hanno pubblicato una serie di nomi e cognomi, email e password cifrate (anche di amministrazione). “Non è più possibile ignorare il modo in cui i soldi dei cittadini vi vengono elargiti quotidianamente, grazie ad appalti e concorsi quantomeno di dubbia regolarità, da svariati enti pubblici e governativi, molti dei quali operanti nel settore difesa/sicurezza”, hanno affermato gli autori del furto. Eppure Vitrociset sarebbe solo un gigante dai piedi di argilla, almeno secondo gli #Antisec nostrani, che ieri sono riusciti a violarne i sistemi e a sottrarre dati sensibili tra cui indirizzi e-mail e password di dipendenti e collaboratori del gruppo, dando poi notizia stamani dell’avvenuta razzia. Erano trascorse da poco le 12.30 quando su Twitter e sul blog “hacktivista” anon-news.blogspot.com è comparso il seguente comunicato, nel consueto stile del Guy Fawkes di “V per Vendetta”: «Salve Vitrociset, oggi abbiamo deciso di rivolgere la nostra attenzione su di voi» esordisce la rivendicazione, che prosegue con un lungo elenco di pesanti strali sull’inefficienza dell’apparato di sicurezza sugli stessi server del gruppo. Ancora una volta, così come già avvenuto per i documenti sottratti alla Polizia Postale, il materiale prelevato dai server è stato pubblicato on-line attraverso blog, account Twitter e l’immancabile Pastebin.com, ormai divenuto una sorta di bacheca degli annunci in stile “oggetti smarriti” di Anonymous & co. Per diverse ore inoltre il sito Vitrociset.it è risultato irraggiungibile al pubblico, non si sa se a causa delle operazioni di messa in sicurezza da parte della stessa azienda o come ultimo strascico dell’attacco. E assieme al danno, anche la beffa: persino sulla pagina di Wikipedia dedicata all’azienda, infatti, spicca ora in bella vista la notizia della violazione subita.

 

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*