Facebook: donne dipendenti dal social network più degli uomini


By on maggio 15, 2012
Prev1 of 1Next

Se inizialmente la navigazione su Facebook poteva durare massimo 10 minuti, oggi la situazione è decisamente cambiata. Tutti, o quasi, sono iscritti al social network in blu.

Con l’aumentare della lista dei vostri amici ci saranno maggiori contenuti e, dunque, soggiornare per più tempo sulle pagine ideate da Mark Zuckerberg sarà un vero piacere.

Alcune persone hanno direttamente scelto di impostare Facebook come pagina principale del loro browser. Un recente studio ha voluto evidenziare quale sesso è più attratto dal famoso social network. Ancora una volta vincono le donne.

Abbiamo già parlato, difatti, della passione che il gentil sesso nutre per Pinterest. Come le pagine rosse, anche quelle blu sembrano essere più visitate dalle donne.

Ad affermarlo non sono delle banali statistiche, ma uno studio norvegese apparso su Psychological Reports. Si parla di una vera e propria dipendenza che le donne hanno sviluppato verso la piattaforma di Mark Zuckerberg. L’esperimento è stato svolto dall’Università di Bergen (Norvegia) su un campione di 423 studenti. Lo studio ha addirittura evidenziato che la dipendenza derivante dal social network genera dei sintomi simili a quelli originati dalla dipendenza da droga e alcol!

Sempre secondo lo studio, i più vulnerabili sono i giovani, le donne e soprattutto coloro che hanno problemi a relazionarsi e soffrono d’ansia. Insomma, gli anziani, gli uomini e coloro che hanno fiducia in se stessi, risultano meno dipendenti da Facebook.

Non è difficile capire il motivo di questa strana dipendenza. Gli utenti hanno meno difficoltà a relazionarsi da dietro ad uno schermo.

Stranamente, però, anche le persone eccessivamente estroverse possono generare una forte dipendenza. A quanto pare, solo coloro che risultano abbastanza ambiziosi riescono ad allontanarsi facilmente dal social network. Questi ultimi, difatti, sfruttano Facebook quasi esclusivamente per questioni lavorative.

Prev1 of 1Next
{lang: 'it'}

Commenta!

comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*