Le Malattie Croniche Si Prevengono a Tavola: Ecco Come

Un’alimentazione corretta e sana può aiutarci ad evitare le malattie croniche.

Grazie a uno studio condotto da un team di ricercatori provenienti da tutto il mondo e pubblicato su Clinical Nutrition, si è scoperto che le persone che seguono un’alimentazione povera di cibi raffinati e invece ricca di vitamine, ferro e fibre, hanno una percentuale di ammalarsi di malattie croniche molto inferiore a chi aveva invece una dieta più scadente.

Un gruppo di partecipanti volontari allo studio è stato monitorato per un periodo di tempo e durante lo studio si è passati dal 14 al 34% delle malattie croniche in chi aveva mangiato frutta e verdura fresca e cereali non raffinati.

Il riso, per esempio, pur essendo un alimento in genere ritenuto salutare, è in realtà anch’esso raffinato, tanto che studiando l’alimentazione dei partecipanti che stavano meglio, si è visto che avevano consumato meno riso in questo periodo di tempo.

Zumin Shi, uno dei ricercatori dello studio, ha spiegato:

Semi diversi dal riso e dal frumento – come l’avena, il mais, il sorgo, la segale, l’orzo, il miglio e la quinoa – sono meno spesso raffinati e per questo contengono con maggior probabilità quantità superiori di fibre. Il consumo di riso era significativamente inferiore nel gruppo sano, e ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il riso in genere è raffinato e privato dei benefici associati alle fibre, e dei fitocomposti presenti nei semi integrali.

Molto significativa, invece, era la presenza, nello schema alimentare delle persone sane, di ferro, potassio, magnesio, vitamina B1, fosforo, vitamina C.

Risulta quindi importante variare la propria alimentazione seguendo questi principi, considerato che un consumo più elevato di frutta aiuta a contrastare l’insorgenza della prima malattia cronica e quello di verdura impedisce lo sviluppo di più malattie croniche.
Largo quindi a cibi non raffinati e ai cibi (frutta e verdura, semi) crudi.

Zuppa di cereali
Zuppa di cereali

Foto tratta dalla rete

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*