Pancia Piatta: Ridurre il Sale è la Regola d’Oro

Una pancia piatta, da fare invidia persino a un tavolo da biliardo, è un sogno che per molti sembra irrealizzabile.

Qualcuno si sottopone a diete azzardate, fai da te, quasi nonsense, pur di avere una pancia piatta: eppure, secondo la gastroenterologa americana Robynne Chutkan, che ha fondato il Digestive Centre for Women di Washington, basterebbe soltanto limitare la quantità di sale ingerita ogni giorno.

Il sale viene spesso descritto come un nemico della salute, anche se quello iodato apporta dei benefici per la salute della tiroide, e oltre a esporci al rischio di numerose malattie, se usato in grandi quantità, può anche gonfiare la pancia.

La gastroenterologa americana suggerisce che ridurre notevolmente l’apporto di sale può aiutarci a sgonfiare ed appiattire il nostro ventre, a patto che si introducano nell’alimentazione anche cibi ricchi di potassio e di fibre.

La dottoressa spiega anche che le donne tendono ad avere la pancia più gonfia rispetto agli uomini perché il loro intestino è più lungo, l’apparato digerente è diverso e quindi… sono più esposte alla fregatura della panciotta!

Il sale non fa che aumentare il gonfiore, per cui bisognerebbe al massimo usarne, nel proprio regime alimentare quotidiano, una quantità pari a 1.500 mg.

Per ridurre il sale ingerito basterebbe abituarsi in modo graduale a ridurne le quantità e a cercare dei validi sostituti, come vi abbiamo spiegato qui.
Ma, tornando allo studio di Robynne Chutkan, oltre a ridurre il sale, per sgonfiare la pancia bisogna incrementare l’assunzione di fibre e potassio.
Le fibre aiutano la regolarità intestinale, e funzionano da “spazzine”. Il potassio, invece, favorisce lo smaltimento dei liquidi in eccesso, responsabili della odiatissima ritenzione idrica.

Per appiattire la pancia bisognerebbe anche ridurre l’apporto di grassi, zuccheri e cibi precotti o preconfezionati, ma anche quelli in scatola. Fateci caso: i fagioli in scatola, per esempio, o i fagiolini, sono pieni di sale!

È bene evitare anche i dolcificanti artificiali che, non essendo ben digeriti, possono far fermentare l’intestino e causare gonfiori.

Foto tratta dalla rete

Pancia Piatta
Pancia Piatta

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*