Marijuana a Uso Terapeutico: Ok alla Produzione di Stato

Dopo anni di dibattiti, la marijuana a uso terapeutico sarà prodotta dallo Stato e sarà commercializzata entro il 2015.

Si tratta di una decisione storica, che è stata deliberata dai ministri della Difesa e della Salute Roberta Pinotti e Beatrice Lorenzin. La notizia, riportata da La Stampa e da Repubblica, è ormai certa: la marijuana a uso terapeutico sarà coltivata dall’esercito, in uno stabilimento chimico di Firenze.

Per anni si è parlato del fatto che la marijuana, una droga leggera, desse un enorme sollievo a quelle persone che soffrono di dolore cronico o sono affette da malattie gravi e/o incurabili, come la sla, il cancro, il glaucoma, la sclerosi multipla: la marijuana a uso terapeutico è una soluzione reale al dolore, e a partire dai prossimi mesi saranno prodotti dei medicinali proprio derivati dalla cannabis, come cura per il dolore. Fino ad oggi questi medicinali erano importati dai Paesi esteri, ma con questa decisione del ministero della Salute, la cannabis sarà coltivata anche in Italia.

Resterà comunque il divieto di liberalizzare la cannabis a scopi differenti da quelli terapeutici.
Il celebre oncologo Umberto Veronesi si è detto entusiasta della decisione di legalizzare la marijuana a uso terapeutico:

La marijuana è un ottimo farmaco. Siccome è anche uno stupefacente, si ha sempre paura ad usarlo. Invece è ottimo contro il dolore, contro i malesseri, contro il vomito, è un sedativo. È la stessa cosa che è successa con la morfina, che per anni non sono riuscito a far avere a questi poveri diavoli che soffrivano. È giustissimo usarla e coltivarla. Io sono anche per la liberalizzazione, ma questo è un altro discorso.

Lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze, che produrrà questi medicinali a base di marijuana, opererà nella massima sicurezza. Come detto anche sopra, questi farmaci saranno in commercio entro il 2015.

Foto tratta dalla rete

Marijuana
Marijuana

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*