La Soia Può Causare la Proliferazione del Tumore al Seno

La soia può favorire la crescita del tumore al seno.

La clamorosa scoperta è emersa da uno studio recente, condotto dall’equipe di ricercatori del Memorial Sloane Kettering Cancer Center di New York.

Qualche settimana fa segnalavamo in questo articolo le proprietà preziose della soia, che aiuta a prevenire le malattie cardiache nelle donne nel periodo della menopausa, come evidenziato da uno studio della Wake Forest School of Medicine, USA. Ma, se da una parte la soia è amica delle donne, sotto certi aspetti può essere fatale per altre, in particolare per quelle a cui è stato diagnosticato un tumore al seno.

Come risultato dallo studio, guidato dal medico gastroenterologo Moshe Shike, la soia parrebbe favorire l’espressione di geni tumorali associati con un incremento della crescita delle cellule maligne. La ricerca è stata condotta su 140 donne, divise in due gruppi: un gruppo assumeva proteine della soia ogni giorno, mentre l’altro gruppo aveva degli integratori di proteine del latte.

Si è visto, al termine della sperimentazione, che il gruppo di donne che aveva assunto le proteine della soia riportava una sovraespressione dei geni collegati al proliferare delle cellule cancerogene. Un risultato che ha portato alla scoperta che, appunto, la soia, può favorire la prolifezione del tumore in un corpo che già lo presenta.

Per questo motivo, l’equipe medica del Memorial Sloane Kettering Cancer Center di New York ha consigliato alle donne a cui è stata fatta una diagnosi di tumore al seno di limitare fortemente l’assunzione di questa pianta erbacea della famiglia delle leguminose.

Questa scoperta è l’ennesima dimostrazione che alimenti che vengono quasi “universalmente” riconosciuti come molto salutari, se non addirittura preventivi rispetto ad alcune patologie, tipo la stessa soia, possano invece rivelarsi pericolosi sotto altri aspetti o in determinate condizioni di salute della persona.

Foto tratta dalla rete

Spaghetti soia
Spaghetti soia

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*