Carboidrati a Cena: Le Regole per Mangiarli Senza “Colpe”

Si possono consumare carboidrati anche a cena, senza però finire per sentirsi in colpa o appesantirsi troppo? La risposta, per fortuna, è sì, anche se è bene tenere a mente certi consigli.

Innanzitutto, come riporta il portale Riza.it, nulla vieta di consumare a cena dei carboidrati, ma sempre se durante il giorno non ne consumiamo già a sufficienza. Nel senso che, se già a pranzo abbiamo mangiato la pasta, a colazione abbiamo “gozzovigliato” con zuccheri e farinacei, e a merenda non ci siamo fatti mancare un tramezzino o una fetta di dolce, questo già rende più difficile poter consumare carboidrati anche a cena senza compromettere la bontà del nostro regime alimentare.

Se non si superano le 1.500 kcal al giorno (che poi la quantità corretta dipende dall’età, dal peso e dall’altezza, questa è una indicazione media) e non si eccede nel consumo di alimenti fatti con farine raffinate e nel consumo di zuccheri, a cena possiamo concederci i carboidrati, stando comunque anche attenti all’importo di sale complessivo nella nostra alimentazione quotidiana.
Basta seguire alcune semplici regole, che riducono l’indice glicemico e accelerano il metabolismo, impedendo che il grasso si accumuli. È bene scegliere gli alimenti ricchi di fibre: possiamo quindi mangiare, ad esempio, pasta, riso o pane integrale, anziché le versioni “bianche”.
Per condire riso, pasta ecc. dobbiamo usare dei grassi vegetali anziché animali: ad esempio, quindi, usare l’olio extra vergine di oliva al posto del burro.

A cosa servono i grassi vegetali? A rendere più lenta la digestione e l’assorbimento dei cibi. È importante anche, per ridurre l’indice glicemico, abbinare a questi carboidrati anche delle proteine, che possono essere uova, carne, legumi oppure – meglio ancora – del pesce.
A proposito di indice glicemico, per tenerlo meglio sotto controllo è bene sempre cuocere il riso e la pasta al dente, e non farli “stracuocere”.

Foto tratta dalla rete
Fonte: riza.it

pasta integrale
pasta

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*