Reflusso Gastrico: 20 Cibi Insospettabili che Possono Causarlo

La maggior parte di noi quando pensa al reflusso gastrico lo ricollega ai sintomi di gonfiore allo stomaco, presenza di gas nello stomaco e bruciore di pancia.

Molti curano il reflusso gastrico andando in farmacia e riempiendosi di medicinali, ma il problema è che decine di milioni di persone hanno questi reflussi senza però avvertire gli altri sintomi ad esso collegati, quindi mal di stomaco ecc.

Il dottor Jonathan E. Aviv, chirurgo, educatore, e inventore di fama mondiale, è uno dei massimi esperti al mondo riguardo alla diagnosi e al trattamento del reflusso gastrico, della tosse, dei disturbi della deglutizione ecc.

Questo medico di fama mondiale ha scritto un libro, uscito negli Stati Uniti, che si intitola “Killing Me Softly From Inside” e che riguarda, tra le altre cose, gli alimenti – spesso al di fuori dei sospetti – che possono causare il reflusso gastrico.
Sul portale doctoroz.com sono stati elencati i venti cibi insospettabili che possono dare questo tipo di disturbi.

1. Mirtilli (pH 4.1)
2. Lamponi (pH 3.56)
3. Fragole (pH 3.8)
4. Ciliegie (pH 4.4)
5. More (pH 3.7)
6. Miele (pH 4.3)
7. Hummus (pH 4.3)
8. Ananas (pH 3.8)
9. Pesche (pH 4.2)
10. Mele verdi (pH 3,5)
11. Uva bianca (pH 4.1)
12. Pomodori ciliegina (pH 4.5)
13. Ketchup (pH 3.7)
14. Senape (pH 3.8)
15. Maionese (pH 3,5)
16. Tè confezionato (pH 3)
17. Succo di mirtillo (pH 2,5)
18. Bevande vitaminiche (pH 2.9)
19. Omogeneizzati mela e lampone (pH 3.6)
20. Yogurt Greco (Plain: pH 4.3)

Si tratta, come abbiamo visto, di alimenti che fanno molto bene alla salute, e che dovrebbero essere presenti in una sana dieta quotidiana, ma che per le persone predisposte al reflusso gastrico si possono rivelare delle vere “bombe acide”.
Nel libro “Killing Me Softly From Inside”, per chi conosce la lingua inglese, ci sono preziosi suggerimenti sulle diete combinate acido/basico che possono risolvere alla radice questo tipo di problemi.

Foto tratta dalla rete

Mele Verdi
Mele Verdi

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*