Cancro ai Polmoni: Studiato un Test del Respiro per Diagnosticarlo Precocemente

Una nuova frontiera per la diagnosi del cancro ai polmoni in fase iniziale.

L’Università di Leicester e il Leicester’s Hospital hanno messo a punto un dispositivo a dir poco rivoluzionario che è in grado rilevare il cancro ai polmoni quando ancora si trova in fase iniziale. Si tratta di un “breath test”, un test del respiro, che può individuare queste cellule tumorali.
La società che ha progettato il dispositivo, la Cambridge Owlstone Nanotech Ltd, ha determinato che il rilevamento del cancro del polmone in stadio precoce potrebbe essere aumentato dall’attuale 14,5% al 25% entro il 2020: questo potrebbe salvare circa 10.000 persone dalla morte.

Come funziona il dispositivo? Esso si basa sulla misurazione di composti organici volatili a basse concentrazioni rilevate attraverso il respiro del paziente, e può individuare il cancro ai polmoni nello stadio iniziale.
L’azienda che ha messo a punto questo speciale breath test ha ricevuto degli ingenti finanziamenti per continuare lo sviluppo di questo progetto che potrebbe portare lo strumento in uso, entro la fine dell’anno, all’ospedale di Leicester, e da lì “prendere la strada” verso altri ospedali e cliniche.
Billy Boyle, co-fondatore di Owlstone, ha dichiarato:

Se potessi cambiare una cosa sola nella lotta contro il cancro, sarebbe il rilevare la malattia negli stadi iniziali, quando i trattamenti esistenti hanno già dimostrato di poter salvare vite umane. La nostra squadra non si darà pace fino a quando non aiuterà a fermare la devastazione quotidiana che il cancro porta ai pazienti e alle loro famiglie.

Ad oggi il cancro ai polmoni è uno dei tumori che purtroppo più non lasciano scampo, per cui diagnosticarlo in tempo, quando le cure possono essere davvero efficaci, è di fondamentale importanza, e avere una diagnosi rapida, come appunto può esserlo un semplice respiro in un macchinario, sarebbe di enorme aiuto, se non addirittura una salvezza.

test respiro
test respiro

Foto e fonte: sciencedaily.com

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*