Muffa Tossica nei Cereali che Mangiamo a Colazione?

Una bella colazione a base di latte e fiocchi d’avena o altri cereali sembra una colazione buona e sana per cominciare bene la giornata. Ma potrebbe, invece, non essere così sana come crediamo.

Uno studio condotto dalla American Chemical Society ha analizzato quasi 500 cereali per la colazione a base di cereali vari, e purtroppo in molti di essi (quelli a base d’avena) è stato riscontrato un livello preoccupante di ocratossina.
Che cos’è l’ocratossina? È una muffa tossica che è stata relazionata all’insorgenza di alcuni tipi di tumori.

La tossina in questione è stata trovata in diversi alimenti, dai piselli alla carne di maiale, ed è provato che possa causare il cancro nei reni degli animali. Per sicurezza, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha previsto un regolamento per l’ocratossina, per fissare dei limiti, perché si pensa che possa essere dannosa anche per le persone.

La ricerca, condotta negli Stati Uniti e pubblicata sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, ha preso in esame 489 tipi di cereali a base di mais, frumento, avena e riso. Dopo aver analizzato i campioni, gli studiosi hanno scoperto che i cereali contaminati con quella muffa tossica erano circa il 48% del totale. Un livello spaventoso, quindi: ma per fortuna il livello di contaminazione non superava i limiti fissati dalle normative europee, nella stragrande maggioranza dei casi. Purtroppo, però, l’8% di questi cereali risultava contaminato dalla muffa tossica oltre i livelli stabiliti dalla legge per la sicurezza.

Quello che i ricercatori raccomandano non è di eliminare l’avena e i cereali dalla nostra alimentazione, e di farsi prendere dal panico: si potrebbe, magari, limitarne il consumo e variare spesso la marca in questione, sempre tenendo in conto che la correlazione con il rischio di cancro – per ora – è stata provata solo sugli animali.

Diabete: Colazione con Yogurt Magro e Cereali Diminuisce il Rischio

cereali
cereali

Foto tratta dalla rete
Fonte: womenshealthmag

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*