Maitake: il Fungo Anticancro dalle Mille Proprietà Benefiche

Il Maitake è un fungo  anticancro, ed è quindi un alimento prezioso per la nostra salute.

Maitake
Maitake

Il fungo Maitake (nome scientifico: Grifola frondosa) non ha solo un nome poetico, visto che in giapponese significa “fungo che danza”, ma possiede anche delle proprietà eccezionali, che sono ancora in corso di studio.
Questo fungo, conosciuto da millenni in Asia e molto usato nell’alimentazione cinese e giapponese, è diffuso in particolare, oltre che in Giappone, nell’Appennino tosco-emiliano, nelle pre-Alpi marittime piemontesi e anche in Calabria, nello specifico nella Sila, e lo si può trovare generalmente sotto gli alberi di castagno.
Appartenente alla famiglia delle Meripilaceae, questo Maitake ha conosciuto popolarità in relazione al fatto che, secondo studi scientifici, avrebbe delle notevoli proprietà anticancro. Infatti attiva le protezioni naturali del corpo, i macrofagi, le cellule Natural Killer, le cellule T, l’interleukina-1 e l’anione superossido, rivelandosi quindi efficace nel contrastare il cancro.
In particolare, secondo la ricerca, il Maitake inibirebbe lo sviluppo delle neoplasie, ovvero dei tumori, soprattutto del polmone, del seno e della prostata. In aggiunta, consumare questo fungo aiuta a contrastare anche gli effetti collaterali post-chemioterapia, e ne prolunga gli effetti benefici sul corpo.

Usato anche per stimolare il sistema immunitario, perché attiva i globuli bianchi, questo fungo Maitake anticancro avrebbe anche altre innumerevoli proprietà. Ad esempio, in caso di policistosi ovarica, è stato dimostrato che l’uso di questo fungo possa indurre l’ovulazione.

Il Maitake è anche un valido alleato contro il diabete. Difatti contiene l’inibitore dell’alfa glicosidasi e quindi assicura un minore livello di glicemia nel sangue.
È molto utile inserire questo alimento nella dieta, ma anche assumendolo tramite gli integratori si possono ottenere degli ottimi risultati, soprattutto se usato a scopo terapeutico.

Il fungo in questione possiede anche delle proprietà che regolano il metabolismo, e lo rendono efficace per regolare il colesterolo e ristabilire un giusto equilibrio dei lipidi nel sangue.

Chi non deve assumere il Maitake: chi è allergico ai funghi, chi è in cura con farmaci ipoglicemizzanti e chi ha subìto un trapianto d’organi.

Per combattere la depressione sai che è ottimo il pesce?

Foto tratta dalla Rete

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*