Menopausa e Climaterio: Alleviare i Malesseri con le Sane Abitudini

Il termine menopausa, che indica il termine del ciclo mestruale e dell’età fertile, viene spesso usato per designare quello che in realtà è il climaterio.

Donne
Donne

Il climaterio è il termine appropriato per definire il cambiamento psico-fisico a cui la donna va incontro nel periodo precedente e antecedente la fine delle mestruazioni.
Il periodo del climaterio dura all’incirca 10 anni, e in questo lungo lasso di tempo la donna va incontro a dei cambiamenti inevitabili, spesso accompagnati a sensazioni di malessere.

In questo periodo, che si affaccia tra i 48 e i 52 anni in media, la funzionalità delle ovaie si esaurisce, di conseguenza non vengono più prodotti dall’organismo gli ormoni ovarici.
Dal punto di vista medico, è proprio questo che causa i malesseri: l’assenza degli ormoni ovarici. Gli organi e i tessuti risentono di questa mancanza, ed è per questo che insorgono i problemi ad essa relativi: vampate di calore, sudorazioni, palpitazioni, irritabilità, aumento del peso, ansia, insonnia, umore altalenante, sensazioni di inadeguatezza e in certi casi dolore nei rapporti sessuali.

La carenza degli estrogeni, oltre a portare tutto questo bel pacco di malesseri (soggettivi da donna a donna) può a lungo andare anche portare a malattie cardiovascolari, osteoporosi e Alzheimer.

Lo stile di vita è molto importante per vivere meglio il climaterio e ridurre quanto più possibile tutti i disturbi diffusi che esso crea. Dopo aver consultato il proprio medico specialista, la donna che sta vivendo questo periodo deve prendere coscienza che può fare molto per se stessa.
L’alimentazione sana, come sempre, è fondamentale, così come un’attività fisica giornaliera che, ove possibile, sia di circa 30 minuti al giorno.
La fitoterapia può venire incontro e lenire i malesseri, e pare che trifoglio rosso e soia abbiano delle ottime proprietà in quanto possiedono molecole con un’azione simile agli estrogeni.

Discipline come lo yoga e la meditazione rimettono in sintonia la mente con il corpo, e possono apportare dei benefici apprezzabili.

Foto: Michael Keller/CORBIS

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*