Obesità Infantile e Asma: Una Studio ne Dimostra la Correlazione

Esiste un collegamento tra obesità infantile ed epidemia di asma.

Secondo gli scienziati della Bristol University, le malattie respiratorie aumentano del 55% per ogni unità extra di indice di massa corporea. Questa correlazione tra asma e obesità dovrebbe essere un deterrente in più per convincere i genitori a fare adottare ai propri bambini un regime alimentare più sicuro e sano.

L’asma, malattia cronica causata dall’infiammazione delle vie aeree, è aumentata sensibilmente nel corso degli ultimi decenni. La dottoressa inglese Samantha Walker ha confermato che secondo una recente ricerca, pubblicata su PLoS Medicine e condotta grazie al confronto tra informazioni genetiche e dati osservati, i bambini con un alto indice di massa corporea hanno più probabilità di sviluppare l’asma. Gli attacchi di asma sono molto pericolosi nei bambini, e possono portare – in taluni casi – anche alla morte.

Mantenere il proprio indice di massa corporea entro i limiti normali apporta vari benefici per la salute e può aiutare a ridurre il rischio di asma nei bambini.

Lo studio ha preso in esame oltre 4.800 bambini di sette anni affetti da asma.

Per effettuare questa sperimenatazione, i ricercatori hanno utilizzato un metodo innovativo, che coniuga sia informazioni genetiche che dati di osservazione e sono giunti alla conclusione che il rischio di asma aumenta tra i sette e gli otto anni di età rispetto all’indice di massa corporea.

Il fatto che nel mondo l’obesità sia sempre in aumento (perché si mangia sempre peggio) spiega perché con essa è aumentata, soprattutto nei bambini, questa malattia respiratoria.

Sta ai genitori controllare il regime del proprio bambino per evitare che il suo essere “in carne” diventi essere “obeso”; e parlando in generale la responsabilità è anche del governo, che dovrebbe attuare dei piani volti a ridurre il problema sempre più pressante dell’obesità infantile, che a sua volta avrà incidenze sulla diffusione mondiale dell’asma. Uno dei metodi, per esempio, potrebbe riguardare le pressioni alle aziende alimentari, affinché riducano notevolmente le quantità di grassi e zuccheri nei loro prodotti dolciari, molto amati proprio dai più piccoli.

Foto tratta dalla rete

Bambina con asma
Bambina con asma

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*