Il Cloro della Piscina Può Causare Irritazioni e Secchezza

Considerando il fatto che questa estate 2014 è a dir poco “pietosa”, per via della pioggia, molti ripiegheranno sulla piscina, visto che non si può andare al mare…

Ma quello che dovete sapere, prima di recarvi, cuffietta alla mano, in piscina, è che il cloro delle piscine può mettere a rischio la pelle del viso, gli occhi e i capelli. Questo vale soprattutto per i bambini, che sono più delicati, e per le persone che soffrono di dermatiti.

Infatti, i disinfettanti che sono diluiti nell’acqua delle piscine, per motivi di igiene, possono avere delle controindicazioni. Quali sono? Per chi ha la pelle particolarmente secca, oppure molto sensibile, si possono avere delle follicoliti, ossia delle infezioni acute degli strati superficiali della cute, ovvero nella parte del follicolo pilifero.

Un altro rischio collegato al cloro delle piscine può essere quello di contrarre delle dermatiti, irritazioni e infiammazioni della pelle del viso.

Questi problemi si possono manifestare con bruciori, arrossamenti, pelle che tende a seccarsi o anche a screpolarsi. In particolare bisogna prestare attenzione alla pelle dei bambini tra i 3 e i 10 anni, che oltre ad essere più delicata, è anche più esposta a tali rischi perché i bimbi passano molto più tempo degli adulti nell’acqua della piscina. Questi fastidi potrebbero, nei casi più gravi, anche portare a degli effetti irritanti sull’apparato respiratorio.

Come fare quindi per limitare l’insorgenza di queste problematiche? Oltre a ridurre la permanenza nell’acqua della piscina, specie in chi è già soggetto a pelle sensibile o per i bimbi, è importante proteggere gli occhi con degli occhialini, e il viso e le labbra con delle creme specifiche.
È bene anche indossare la cuffietta, che oltre ad essere obbligatoria per motivi di igiene, è anche una protezione per i capelli, anch’essi esposti ad eventuali rischi connessi all’eccesso di cloro.

Foto tratta dalla rete

Bimbo in piscina
Bimbo in piscina

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*