Cancro alla Prostata: Dieci Porzioni di Pomodoro a Settimana Abbassano Rischio

Un consumo regolare di pomodori può abbassare notevolmente il rischio di ammalarsi di cancro alla prostata.

I pomodori possono letteralmente salvare la vita degli uomini. Sono note ormai da molto tempo le straordinarie proprietà dei pomodori, concentrati di vitamine, licopene e altri preziosi elementi. Un motivo in più per mangiarne è il fatto che possono abbassare il rischio di cancro alla prostata, come è stato confermato da una equipe di ricercatori dell’università di Bristol, in collaborazione con le Università di Cambridge e Oxford.

Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista medica specializzata Cancer epidemiology, biomarkers and prevention, si è basato su un folto gruppo di uomini, ben 20.000, che è stato analizzato in merito alle abitudini alimentari e, più in generale, allo stile di vita condotto. Questi 20.000 uomini, di età compresa fra i 50 e i 69 anni, hanno tenuto un registro alimentare, fra le altre cose, e questo ha permesso agli studiosi di notare come chi avesse consumato più di dieci porzioni alla settimana di pomodori, avesse quasi il 20% in meno di probabilità di contrarre il cancro alla prostata, che è purtroppo uno dei tumori più diffusi nel mondo.

Le dieci porzioni a settimana non si intendono solo di pomodori allo stato naturale, ossia crudi, ma anche quelli cotti, ad esempio passate o sughi di pomodoro.

Il motivo per cui i pomodori sono così benefici e preventivi di questo tipo di cancro, risiede tutto nel licopene, antiossidante naturale che previene i danni alle cellule. Il pomodoro, quindi, andrebbe assunto in media una-due volte al giorno per potersi assicurare una diminuzione del rischio di malattie, e non solo di cancro alla prostata: il pomodoro è un vero e proprio concentrato di salute.

In generale anche la frutta e la verdura di altro tipo andrebbero assunte ogni giorno. I medici raccomandano l’assunzione di cinque porzioni quotidiane di frutta oppure di ortaggi.

Foto tratta dalla rete

 

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*