Le Proteine Abbassano il Rischio di Ipertensione del 40%

Un’alimentazione ricca di proteine può prevenire il rischio di ipertensione.

Questo è quanto risultato dal nuovo studio condotto dalla Boston University School of Medicine, negli Stati Uniti, e pubblicato sull’American Journal of Hypertension. La ricerca ha messo in evidenza come le persone che seguono un regime alimentare ricco di proteine hanno fino al 40% in meno di possibilità di sviluppare l’ipertensione.
L’ipertensione arteriosa comporta che la pressione del sangue nelle arterie della circolazione sistemica sia più elevata del normale, con un conseguente affaticamente del cuore, che vede aumentato il proprio lavoro.

Un consumo pari a circa 100 grammi di proteine al giorno metterebbe al riparo dal rischio di diventare ipertesi. La ricerca dell’Università di Boston è durata ben dieci anni, studiando l’andamento della pressione arteriosa in soggetti sani del Framingham Offspring Study: nel corso dello studio si è notato come le persone che assumevano regolarmente una quantità di circa 100 grammi di proteine al giorno, sia di tipo animale che di tipo vegetale, avevano una pressione sistolica e diastolica ridotta.

I risultati di questo studio provano quindi che il rischio di pressione sanguigna alta può essere evitato in larga parte assumendo proteine.

Quali sono, dunque, gli alimenti da introdurre nella nostra alimentazione, perché ricchi di proteine? Le carni di ogni tipo, le uova, la soia secca, il formaggio grana, la bresaola, la frutta secca, il pesce fresco, i legumi di qualsiasi tipo, il latte, il riso, le patate.

Quello che bisogna comunque tenere in considerazione è che un eccesso di proteine animali (quindi di carne, prosciutto, salame, bresaola ecc.) può portare ad altri rischi collegati alla salute: la carne rossa, come è noto, favorisce il tumore dell’intestino e del colon e anche il tumore al seno, come emerso dallo studio britannico condotto dalla dottoressa Maryam Sadat Farvid.

Foto tratta dalla rete

Ipertensione
Ipertensione

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*