Pistacchi: Ecco Perché Non Devono Mancare Mai a Tavola

I pistacchi sarebbero da integrare nella nostra alimentazione, perché hanno delle proprietà strabilianti, che li rendono “i re” della frutta secca.
Ci sono tante curiosità sui pistacchi, riguardo al fatto che sono molto salutari, e che possono dare il loro piccolo contributo soprattutto in merito alla prevenzione di alcune malattie.

Attualmente i leader mondiali nella produzione di pistacchio sono gli Stati Uniti, dopo aver superato l’Iran nel 2010: c’è stato il raddoppio delle esportazioni nel corso degli ultimi sei anni. E anche nel mondo degli chef, anche stellati, i pistacchi sono sempre più presenti, per il loro gusto così particolare e la loro capacità di rendere unici i piatti.

Tra le curiosità che riguardano i pistacchi c’è il fatto che abbiano meno calorie rispetto a quasi altro frutto secco. Questo vuol dire che se ne possono mangiare anche se si è a dieta. Tra l’altro i pistacchi contengono un elevato livello di potassio, maggiore di qualsiasi altro frutto secco, che può abbassare i livelli di cortisolo, ovvero l’ormone dello stress.

Oltre a ridurre il colesterolo e a far diminuire il rischio di cancro, i pistacchi sono una preziosa fonte di fitosteroli, ossia dei composti vegetali che contrastano il colesterolo LDL, quello cosiddetto cattivo. Essendo anche ricchi di carotenoidi beta-carotene e luteina, l’elemento che dà il colore verde caratteristico di questo frutto, si rivelano anche degli anti-tumorali.
Inoltre, uno studio spagnolo dell’Universitat Rovira i Virgili, ha dimostrato che questi frutti secchi aiutano anche a prevenire lo sviluppo del diabete, perché abbassano il livello di insulina grazie al loro ricco contenuto di grassi insaturi, fibre, carotenoidi e antiossidanti.

Naturalmente i pistacchi consumati non salati, ma in versione naturale: ci sono tantissime ricette per consumarli, se non li si vuole mangiare così come sono. Ad esempio possono essere usati, in forma di granella, per decorare i dolci fatti in casa oppure come panatura per il pesce al forno. Si possono anche fare dei pesti (da abbinare, per esempio, ai gamberetti o alle linguine) oppure dei risotti, delle zuppe o delle salsine di accompagnamento. Ce n’è davvero per tutti i gusti: l’importante è mangiarli!

Foto tratta dalla rete

pistacchi
pistacchi

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*