Scoperta la Proteina dell’Intestino che Regola il Peso

I ricercatori dell’Università Cattolica di Louvain (in Belgio), con uno studio condotto su dei topi da laboratorio, hanno scoperto una proteina che potrebbe influenzare obesità e diabete di tipo 2.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communication, ha individuato questa proteina nello stomaco. Come già individuato da precedenti studi, l’intestino degli esseri umani è popolato da microrganismi (circa 100 trilioni di batteri appartenenti a più di 1000 specie differenti) che aiutano la digestione e le altre funzioni di questo organi. Ebbene, sembra che il microbiota intestinale sia responsabile anche di altri aspetti riguardanti la salute, tra cui appunto il diabete di tipo 2 e l’aumento di peso. La ricerca ha individuato una proteina, chiamata MyD88 e facente parte del sistema immunitario intestinale, che è in grado di influenzare la regolazione del peso, decelerando il metabolismo e non consentendo al corpo di consumare molta energia.

L’equipe di ricercatori si è avvalsa di topi da laboratorio che sono stati resi diabetici ed obesi; poi ha indotto una mutazione che ha disattivato la proteina di cui parlavamo prima, per osservare i cambiamenti nell’organismo delle cavie. Ebbene, quando questa proteina mancava, i topi consumavano molta più energia, e quindi perdevano peso. Inoltre questi topi erano anche protetti contro il diabete di tipo 2.

In sostanza, agendo su questa proteina per “disattivarla”, si potrebbero curare obesità e diabete di tipo 2. In Italia si calcola che purtroppo il 42% delle persone sia in sovrappeso, una percentuale che riguarda soprattutto gli anziani. Come è noto, l’obesità può portare a molte altre patologie ad essa correlate, tra cui asma, problemi all’apparato cardiocircolatorio (cardiopatia ischemica) e diversi tipi di tumori.

È di fondamentale importanza, dunque, far sì che la ricerca possa continuare in questo senso.

Obesità Infantile e Asma: Una Studio ne Dimostra la Correlazione

Foto tratta dalla rete
Fonte: Repubblica

obesità
obesità

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*