I Profumi che Aiutano la Memoria: Ecco Quali Sono

Alcuni tipi di profumi possono aiutare la memoria: è stato dimostrato da diverse ricerche.
I profumi, specialmente quelli naturali, ossia gli oli essenziali estratti da alcuni tipi di piante e fiori, possono essere un valido aiuto per la memoria.
Un recente studio portato avanti da una equipe di ricercatori dell’Istituto inglese della Northumbria University, ha confermato che uno dei più potenti profumi per aiutare la memoria è quello del rosmarino. Il comunissimo rosmarino, usato in particolar modo per profumare la carne, gli arrosti e il pesce, sembra aiutare due tipologie di memoria, quella prospettica e quella a breve termine.

La memoria prospettica, anche conosciuta come memoria intenzionale, non è altro se non la capacità di ricordare date ed eventi che si verificheranno nel futuro più prossimo: insomma, i compleanni, un appuntamento con qualcuno, una visita dal medico ecc.
Il rosmarino aiuta anche la memoria a breve termine, ovvero tale parte di memoria in grado di conservare una piccola quantità di informazioni chiamata span per una durata di circa 20 secondi (ad esempio se stiamo andando in cucina a prendere una forchetta e poi, arrivati in cucina, ci scordiamo cosa dovevamo prendere, vuol dire che abbiamo scarsa memoria a breve termine).

Sembra che, oltre al rosmarino, in generale le sostanze fiorite ci aiutano a ricordare meglio perché attivano l’ippocampo, l’area del cervello che trattiene le informazioni per noi nuove. Ad esempio, se andiamo a una lezione, sarà bene spruzzarci un po’ di profumo di lavanda, rosa o altri fiori per restare concentrati e memorizzare meglio le nozioni.

In particolare il profumo della rosa, secondo uno studio condotto ad Harvard, incrementerebbe del 12% le capacità mnemoniche.
Infatti il profumo della rosa indurrebbe a una maggiore concentrazione, specie nelle persone di giovane età: quindi, a studenti universitari e di scuola, regalate un profumo alle rose e spiegategli perché!

Foto tratta dalla rete

rose
rose

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*