Ginkgo, la Pianta (Fossile) Miracolosa per la Pelle

Il ginkgo è conosciuto comunemente come una pianta, ma tecnicamente si tratta di un fossile vivente, nonché unica specie sopravvissuta della famiglia Ginkgoaceae.
Originario della Cina, il termine ginkgo significa albicocca d’argento, in lingua cinese. Il ginkgo dalle foglie lobate, una pianta che raggiunge addirittura i 40 metri di altezza, era utilizzato dai monaci cinesi per fare ombra alle coltivazioni di tè, o semplicemente per abbellire i giardini. Questa pianta, che è in assoluto una delle più antiche mai esistite sulla Terra e pervenute sino a noi, è estremamente forte e robusta, tanto da essere sopravvissuta persino alla bomba di Hiroshima.

Il ginkgo è usato ormai da millenni nella sua terra di origine, la Cina, come rimedio contro l’asma e la tosse. Da noi, invece, in Occidente, è conosciuto principalmente come potente antiossidante, ma è noto anche per le sue proprietà benefiche sulle funzioni circolatorie, sulle capacità cognitive e anche sulle capacità di memoria.

Dalle aziende cosmetiche di tutto il mondo il ginkgo è usato nella sua funzione di antiossidante: contro i radicali liberi, infatti, è un alleato con pochi eguali. Gli studi condotti sul ginkgo sono molto chiari a riguardo di questo fossile vivente così prezioso: riesce a ridare luminosità e distensione alla pelle, attenuando le occhiaie da fatica e da stress, rendendo più vivace il colorito spento e in generale migliorando l’aspetto della pelle.

Le foglie di ginkgo sono ricche in terpeni, polifenoli, flavonoidi (ossia ginketolo, bilabetolo, ginkolide e isiginketolo), e apportano grandi benefici, contrastando la fragilità dei capillare e battendo sul tempo la formazione delle varici, o vene varicose, che affliggono in particolare le donne dopo una certa età.

Questa pianta è usatissima anche per ripristinare l’equilibrio lipidico delle pelli secche e screpolate, restituendo idratazione e grande morbidezza al viso e alla pelle del corpo in generale.

Foto tratta dalla rete

Ginkgo
Ginkgo

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*