Punire i Bambini Bugiardi li Porterà a Mentire di Più

I bambini che mentono e per questo subiscono punizioni o minacce, tenderanno a mentire sempre di più.
Per far sì che i bambini non dicano più bugie, il metodo più efficace non è quello di minacciarli con una punizione, anzi: questo è il modo più veloce per farli diventare dei bugiardi cronici.

Uno studio canadese, pubblicato sul Journal of Experimental Child Psychology, ha dimostrato che, perché i bambini dicano la verità, bisogna fargli capire la ragione morale per cui non dovrebbero mentire, e non punirli se hanno detto una bugia.

Lo studio si è avvalso di un esperimento semplice: a un gruppo di bambini (oltre 370) è stato chiesto di non sbirciare sul tavolo vicino, dove era nascosto un giocattolo. Dopodichè i bimbi venivano lasciati soli nella stanza, con una videocamera che riprendeva tutto. Si è visto che il 67,5% di loro aveva sbirciato il giocattolo e il 66,5% aveva mentito ai ricercatori, negandolo. Ebbene, un altro dato emerso era che nel momento in cui i bambini venivano minacciati con una punizione avevano la propensione a mentire di più rispetto a coloro ai quali veniva chiesto di non farlo per dovere morale.
Victoria Talwar della McGill University di Montréal, autrice dello studio, ha spiegato in un comunicato riportato da La Stampa:

I bambini spesso mentono per nascondere le trasgressioni. Dopo aver fatto qualcosa di sbagliato o infranto una regola, potrebbero scegliere di mentire per nasconderlo. Dopo tutto, sanno che possono finire nei guai per aver trasgredito. Così la punizione non ha molto effetto e non scoraggia a utilizzare la strategia di mentire per cercare di venir fuori dai guai.

Insomma, in definitiva le minacce sono tutt’altro che un deterrente, per non mentire: è più efficace, invece, spiegare loro perché non si devono dire bugie ed evidenziare il dovere morale e l’etica che dovrebbe portarli a non mentire per non ferire le persone.

Foto tratta dalla rete
Fonte: La Stampa

bambino
bambino

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*