McDonald’s, Dipendente Denuncia: “Ecco Cosa Non Ordinare”

È più o meno da quando la catena di fast food McDonald’s esiste che ci sono degli “avvertimenti”, lanciati da nutrizionisti, dipendenti e gente comune, riguardo alla insalubrità degli alimenti che vengono serviti.

L’azienda, come è ovvio pensare, si è sempre difesa, ma i dubbi sulla qualità del cibo restano, e poche ore fa è scoppiato un altro “focolaio”. È stato, per rimanere nella metafora, acceso da un dipendente della catena McDonald’s, che si è firmato con il nickname di Envirometh e che ha parlato a cuore aperto su Reddit, rivelando qualcosa di scioccante:

Evitate di mangiare al Mc Donald’s. Se proprio siete costretti ad andare al Mc Donald’s ci sarebbe qualcosa che non dovreste ordinare, parola di un dipendente dell’azienda.

Il dipendente di McDonald’s è entrato nel vivo dell’argomento, spiegando:

Lavoro al McDonald’s e mi assicuro che tutte le persone a me care non ordinino mai tutto ciò che esce dalle macchinette Mc Cafè, dato che queste sono regolarmente trascurate, praticamente in tutti i Mc Donald’s. Non solo lo staff non riceve formazione per la pulizia e la manutenzione delle macchinette, ma quasi in ogni ristorante Mc Donald’s in cui sono stato, anche ai manager che si occupavano della formazione non fregava nulla. Tutte le bevande del Mc Cafè passano attraverso una macchinetta talmente sporca da far paura. Stiamo parlando di più di 10 centimetri di mer*a sporca e liquida che si trova nelle sue parti interne.

Una notizia che forse non stupirà i più, visto che ormai siamo pressoché abituati a sentir parlar male di questa catena, ma che comunque – rivelata da un dipendente – fa ancora più paura. Chissà quante volte ci abbiamo portato anche i bambini, e sapere questo di certo non fa piacere.
Fece scalpore, nel 2004, anche il documentario di denuncia “Super Size Me”, dove Morgan Spurlock evidenziò i pesanti effetti sulla salute di un regime a base di fast food, sperimentandolo su se stesso.

Foto tratta dalla rete

McDonald’s
McDonald’s

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*