L’Origano “Sveglia” il Sistema Immunitario

L’origano selvatico, l’amatissima pianta aromatica tipica delle regioni montagnose del Mediterraneo e molto usata soprattutto nelle cucine della Sicilia, ha delle proprietà importanti che forse non tutti conoscono e che vi illustreremo in questo articolo.

In particolare l’origano, che viene principalmente usato come condimento per insalate, sughi, carni, pesce e prodotti da forno, riesce a dare una sferzata d’energia al sistema immunitario.
L’olio che viene estratto dalle foglioline dell’origano è in grado di stimolare gli anticorpi, ed è per questo che viene considerato a tutti gli effetti un antisettico, analgesico, espettorante, stomachico etonico e antispasmodico.

Stando ai risultati di una recente ricerca degli studiosi dell’università di Georgetown (in Guyana, America meridionale), tutte queste proprietà sopra elencate dell’origano non sono solo una leggenda tramandata dagli antichi, che già usavano questa pianta per curare la febbre e i malesseri più disparati, soprattutto in Cina e nelle regioni sul Mediterraneo: è tutto vero, e l’olio di origano, utilizzato molto spesso nell’aromaterapia, è ottimo per far passare i sintomi della febbre, ma è anche un valido aiuto contro la tosse, perché fluidifica il fastidioso catarro e di conseguenza libera le mucose bronchiali, e poi è un lenitivo potente contro i dolori reumatici e i mal di testa.

L’olio essenziale di origano può anche essere assunto per bocca, applicandone due gocce sulla lingua oppure mescolarle con un po’ d’acqua: saranno un efficace rimedio per una digestione difficile, oppure per curare il raffreddore o la laringite.

Oltre a queste proprietà, l’origano e il suo olio estratto è anche un disinfettante che può essere assunto per via orale, in abbinamento con il miele. Gli esperti del portale Riza consigliano di assumere una goccia di olio essenziale di origano (ovviamente per uso alimentare) insieme a un mezzo cucchiaino di miele, fino a un massimo di dieci giorni.

Foto tratta dalla rete

origano

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*