Scarpe Ballerine Possono Causare Infezioni e Unghie Incarnite

Sono tanto amate dalle donne per la loro comodità quanto detestate dagli uomini perché per nulla sensuali: le scarpe basse, chiamate anche ballerine, sembrano del tutto innocue, ma purtroppo non lo sono.

Sembra che le donne abituate a portare le ballerine abbiano un maggiore rischio di sviluppare unghie incarnite, come ha dichiarato il famoso podologo Mike O’Neill della Society of Chiropodists and Podiatrists. La moda delle ballerine avrebbe portato, negli ultimi cinque anni, a un aumento esponenziale delle unghie incarnite, perché stringono i piedi, con la conseguente sofferenza delle unghie che premono contro la scarpa e si possono incarnire, se le ballerine vengono indossate con frequenza.
Ma c’è di peggio perché, anche se accade di rado, queste unghie incarnite, qualora non curate con attenzione, possono sfociare in infezioni, come l’MRSA, ossia lo Staphylococcus aureus meticillino.
Mike O’Neill ha spiegato in un articolo, riportato da La Stampa:

È raro, ma in casi estremi l’infezione può raggiungere le ossa, causando quella che si chiama osteomielite, e si potrebbe arrivare alla necessità di amputare il dito. È più probabile che questo accada in persone affette da diabete, in chi ha una cattiva circolazione e quando il corpo non può combattere facilmente le infezioni.

Altro che scarpe innocue, quindi: se ci sono le (cattive) condizioni, il piede rischia veramente grosso.
Secondo il parere del podologo, queste infezioni riguardano, su 200 unghie incarnite, circa una dozzina: non tantissime, ma neanche troppo poche, quindi.

Come accorgersi se c’è qualcosa che non va, nelle unghie dei piedi? Ci può essere un gonfiore della pelle con dolore alla punta del dito, un accumulo di intono al dito.
Oppure ci può essere addirittura del pus di colore bianco o giallo nella zona dell’unghia incarnita.
Nei casi peggiori il dolore è molto acuto e c’è un eccesso di pelle intorno alla zona interessata.

Foto tratta dalla rete
Fonte: La Stampa

ballerine
ballerine

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*