Vino Rosso: Uno Studio Conferma Capacità di Bruciare Grassi

Buone notizie per chi a tavola non riesce proprio a resistere a un bicchiere di vino rosso: secondo un nuovo studio della Oregon State University, negli Stati Uniti, il vino rosso o anche il succo di uva rossa potrebbero facilitare la combustione dei grassi. Ovviamente, nel caso del vino, se consumato con moderazione.

I risultati dello studio, pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry, suggeriscono che questa scoperta potrebbe essere l’inizio dei “lavori” per mettere a punto un integratore alimentare utile per coloro che sono in sovrappeso. Inoltre questo potrebbe dare un efficace aiuto anche alle persone che soffrono delle sempre più comuni malattie del metabolismo.

Tra le sostanze, presenti nel vino rosso e nel succo di uva rossa, c’era il cosiddetto acido ellagico, che blocca la crescita delle cellule adipose e impedisce la formazione di altre cellule grasse.

Neil Shay, biochimico e biologo molecolare, ha spiegato che la scoperta è stata molto sorprendente per lui e per il suo team: questo non deve però portare a pensare che il vino rosso possa essere considerato un rimedio per la perdita di peso: non è che bevendo un litro di vino rosso al giorno si dimagrisce!
Questo no, ma le capacità brucia-grassi del vino rosso possono senza dubbio migliorare la funzione del fegatonelle persone in sovrappeso.

Se riuscissimo a sviluppare una strategia alimentare per ridurre l’accumulo dannoso di grasso nel fegato, utilizzando alimenti comuni come l’uva, questa sì che sarebbe una buona notizia.

L’esperimento è stato portato avanti su dei topi da laboratorio, divisi in due gruppi: uno di essi aveva una dieta a base di uva e si è visto che, analizzando i tessuti dei topi che mangiavano questo frutto, c’erano elevati livelli di attività di due proteine che metabolizzano i grassi.

Per ora lo studio è ancora in fase di ricerca, ma presto potrà trovare applicazioni più complesse.

Foto tratta dalla rete
Fonte: huffingtonpost.ca

vino rosso
vino rosso

Commenta!

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*